Servizio di Prevenzione e Protezione, un supporto per il RSPP interno. Perchè?

Il Servizio di Prevenzione e Protezione SPP è definito dall’art. 31 e dall’art. 33 del D. Lgs. 81/08 come l’“insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali

per i lavoratori”.

Il datore di lavoro organizza il Servizio di Prevenzione e Protezione prioritariamente all’interno dell’azienda o della unità produttiva, o incarica persone o servizi esterni costituiti anche presso le associazioni dei datori di lavoro o gli organismi paritetici.

Prima di optare per un SPP interno o esterno, il datore di lavoro deve verificare l’assenza di professionisti interni. In quel caso, potrà avvalersi di servizi esterni che siano in possesso di tutti i requisiti professionali e le capacità richiesti dall’art. 32 del D. Lgs. 81/08 e devono essere comunque in numero sufficiente a seconda delle caratteristiche dell’azienda.

RSPP: quali requisiti e quali responsabilità

Quali sono i compiti?

Secondo l’art. 33 il SPP provvede:

All’individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all’individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell’organizzazione aziendale;

Ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all’art. 28, co. 2, e i sistemi di controllo di tali misure;

Ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;

A partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica di cui all’art. 35;

A fornire ai lavoratori le informazioni di cui all’art. 36.

SPP a supporto del RSPP interno

Sostanzialmente, il SPP è uno strumento di supporto tecnico e operativo per il datore di lavoro per quanto riguarda l’implementazione della sicurezza all’interno dell’azienda.

L’Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione “ASPP” affianca il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione “RSPP” nello svolgimento dei suoi compiti, finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori. Nel caso in cui il RSPP sia interno all’azienda o alla scuola, avere il supporto di un ASPP esterno può essere un importante vantaggio in quanto il RSPP potrebbe essere oberato da altro lavoro e compiti che svolge all’interno dell’azienda e potrebbe non avere la possibilità di svolgere a pieno le sue funzioni.

 

(fonte: www.ediltecnico.it)

 Il file è scaricabile al seguente link.

26 Marzo 2019